Due nuovi insetticidi proposti da Corteva Agriscience™

Una difesa completa ed efficiente con i formulati di nuova generazione: Exalt™ 25 SC e Closer™. Numerosi gli insetti target e registrati anche per le piante ornamentali
25/06/2020
2872

Corteva Agriscience™, dimostra ancora una volta di riuscire a intercettare con successo le necessità del settore agricolo. La scarsità di formulati registrati sulle specie floreali e ornamentali è un dato di fatto e questi due nuovi prodotti riescono a risolvere alcune delle problematiche nelle strategie di lotta ai fitofagi anche del vivaismo ornamentale.

Due molecole dotate di capacità di traslocazione traslaminare sono state registrate per il controllo di una numerosa gamma di insetti dannosi, causa di preoccupazione per numerosi agricoltori.

Exalt™ 25 SC. Il formulato contiene 25 g/L di spinetoram in sospensione concentrata. Spinetoram è un insetticida ad ampio spettro d’azione appartenente alla famiglia chimica delle spinosine, derivante dalla fermentazione operata dal batterio Saccharopolyspora spinosa seguita da un processo di sintesi volto ad esaltarne le qualità tecniche. L’insetticida possiede una spiccata attività translaminare che ne consente una rapida traslocazione all’interno dei tessuti vegetali. Pur non essendo un vero e proprio insetticida sistemico è in grado di spostarsi dalla superficie fogliare trattata al mesofillo.

Exalt™ 25 SC è un insetticida che agisce su un sito del recettore nicotinico dell’acetilcolina, distinto da quello dei neo-nicotinoidi o di altri insetticidi nicotinici. Gli insetti esposti a spinetoram presentano sintomi progressivi che iniziano con contrazioni muscolari, tremori, perdita della coordinazione, prostrazione e paralisi. Questi effetti portano alla morte dell’insetto. Registrazioni elettrofisiologiche dei neuroni motori hanno confermato che questi sono continuamente attivati con una corrispondente eccitazione del muscolo. Dopo alcune ore di eccitazione, l’insetto risulta paralizzato dalla fatica neuromuscolare. Studi successivi hanno confermato che spinetoram è in grado di depolarizzare i neuroni attivando i recettori nicotinici (nAChR).

Spinetoram penetra nell’insetto principalmente attraverso il suo apparato digerente (attività di ingestione) e secondariamente tramite l’esoscheletro (attività di contatto).

Al fine di ridurre la possibilità di insorgenza di fenomeni di resistenza non superare il numero di tre applicazioni/anno di prodotti a base di spinosad e spinetoram.

L’utilizzo del formulato è autorizzato su lepidotteri, tripidi e alcuni ditteri: Spodoptera litoralis, Heliotis armigera, Tuta absoluta, Mamestra spp, Pieris spp, S. Litoralis, P. Xylostella, Frankliniella occidentalis, Trips tabaci, Drosophila suzukii. Anche le colture registrate sono numerose e comprendono Solanacee, Cucurbitacee, Lattughe, insalate, Cavoli, Fragole, Piccoli frutti e Colture ornamentali ed arboree.

È importante ricordare che il profilo residuale e tossicologico del prodotto è molto favorevole e che l’impatto è minimo sugli insetti utili. Il basso dosaggio di utilizzo (200-240 ml/100l) e l’azione biologica prolungata fanno di Exalt™ 25 SC ne fanno il candidato ideale per l’inserimento all’interno delle strategie di difesa integrata per numerose aziende agricole.

Closer™. È un insetticida sistemico che si muove attraverso lo xylema con un movimento translaminare ed entra nell’insetto principalmente per contatto ed ingestione. Il contatto avviene attraverso l’applicazione diretta del prodotto mentre l’ingestione avviene attraverso lo stiletto dell’insetto che penetra nel sistema vascolare della pianta. Una volta entrato nel corpo dell’insetto, Closer™ agisce sul sito nicotinico dell’acetilcolina. I sintomi compaiono entro poche ore e la mortalità giunge poco dopo.

Il prodotto è a base di sulfoxaflor (ISOCLAST™ active), insetticida sistemico attivo per ingestione e contatto su una grandissima varietà di afidi (tra i quali Aphis gossypii, Myzus persicae, Aphis fabae) aleurodidi (Trialeurodes vaporariorum e Bemisia tabaci) e cocciniglie (Aonidiella aurantii e Planococcus citri).

Il principio attivo ISOCLAST™ active appartiene alla nuova categoria delle sulfoximine (sottogruppo IRAC 4C) ed è caratterizzato da una marcata velocità di movimento translaminare e da sistemia acropeta. Il prodotto viene rapidamente assorbito dai vegetali e risulta innocuo in base alla classificazione IOBC, per Bombus terrestris, Chrysoperla carnea, per i Coccinellidi e per i Fitoseidi.

A contatto col suolo viene rapidamente degradato e presenta un ottimo profilo tossicologico. Anche Closer™, come Exalt™ 25 SC, è attivo a bassi dosaggi (è consentita la distribuzione massima di 400 ml di formulato per ettaro ogni anno).

Entrambi i formulati sono già in distribuzione ed utilizzati al momento da numerose realtà del mondo del verde ornamentale.