Italiano English
Download PDF

Difendere le colture con i pipistrelli

La coltivazioni del mais occupa grandi spazi agricoli ed è una delle più importanti al mondo. Per questo, l'interesse sulla difesa di questa coltura è alto. I parassiti, come Helicoverpa zea, per esempio, causano danni rilevanti alle piante, sulle foglie come sulle pannocchie. Questi attacchi riducono i raccolti e la qualità, e potenzialmente possono colpire la sicurezza alimentare in alcune aree.
I pipistrelli insettivori, come il pipistrello rosso orientale del Nord America, il Lasiurus borealis, si nutrono comunemente delle falene adulte dei parassiti delle colture, comprese quelle di H. zea. Un team di ricercatori della Saint Louis University ha eseguito il primo studio sperimentale,. valutando gli effetti dei pipistrelli sulla soppressione dei parassiti delle colture.

La prova in campo. Sono state create sei recinzioni con reti removibili da 20mx20mx7m su alcune sezioni di campi di mais nel Midwest degli Stati Uniti, per impedire ai pipistrelli di nutrirsi. Nel corso di due stagioni di crescita, i ricercatori hanno confrontato i danni dei parassiti nel mais coltivato sotto le recinzioni con i danni alla coltura coltivata in modo identico in sezioni limitrofe di controllo. Per garantire che l'eventuale differenza fosse dovuta solo al blocco dei pipistrelli, le reti sono state aperte durante il giorno per consentire agli uccelli l'accesso a tutti i campi. Il mais utilizzato nello studio non è geneticamente modificato e ha ricevuto esclusivamente un trattamento erbicida.

I ricercatori hanno scoperto il 59% in più di larve nelle spighe nelle sezioni coperte dai blocchi rispetto al controllo. Questo indica che i pipistrelli possono consumare abbastanza parassiti adulti da ridurre direttamente il numero di larve che causano il danno. I ricercatori ipotizzano che i pipistrelli riescono ad agire anche indirettamente sui numeri di larve mediante la creazione di un paesaggio di paura per le falene. Alcuni lepidotteri sono in grado di rilevare le chiamate di ecolocalizzazione dei pipistrelli e precedenti studi hanno dimostrato come la deposizione delle uova venga soppressa, a causa di questa capacità. Il mais escluso dall'intervento dei pipistrelli presenta il 56% in più di semi danneggiati rispetto a controllo. Confrontando la differenza nella granella intatta tra i due tipi di sezione, i ricercatori hanno calcolato che l'azione dei pipistrelli ha effettivamente aumentato la resa del 1,4%.

I pipistrelli hanno evidenziato anche un altro, sconosciuto, impatto positivo sulla protezione delle colture: la riduzione delle infezioni fungine, introdotte dalle larve, che funzionano da vettori. Il fungo principale che è stato limitato è il Fusarium graminear, che produce tossine dannose per il bestiame. Anche se i livelli di queste sostanze nell'intero esperimento sono stati entro i limiti di sicurezza, i ricercatori hanno comunque evidenziato questo importante beneficio.

Una stima economica. Alcuni paesi hanno adottato il mais geneticamente modificato con proprietà del Bacillus thuringiensis, per resistere ai parassiti. Tuttavia, il mais non Bt è ancora dominante, visto che rappresenta il 68% del totale coltivato a livello globale nel 2011. In base al loro studio, i ricercatori stimano il valore dei pipistrelli per i coltivatori di di mais in 7,88 US $ (7,42 €) / ha, che rappresenta un guadagno diretto di 851.000.000 US $(801.000.000 €) per i 108 milioni di ettari di mais non Bt coltivati a livello mondiale.
Ulteriori modelli suggeriscono che i pipistrelli possono fornire il 38% di questo valore anche per colture Bt.
Nel complesso, i ricercatori affermano che i pipistrelli potrebbero aumentare il valore dei raccolti globali di mais dagli Stati Uniti di 1.000.000.000 $ all'anno, sulla base di un aumento delle rese. Un dato che potrebbe anche essere più elevato se venissero inclusi i benefici della soppressione dello sviluppo fungino e della riduzione nell'uso dei agrofarmaci.

Specie a rischio. Le specie di pipistrello sia in Nord America che in Europa riempiono un livello trofico simile, e possono essere predatori economicamente rilevanti di specie infestanti delle colture in molti agroecosistemi. Tuttavia, devono anche affrontare delle crescenti minacce derivate dalle malattie, da un incremento della mortalità causato da un aumento del numero di turbine eoliche, e dalla maggiore intensificazione agricola, che spesso provoca la rimozione di habitat naturali. Questa ricerca mette in luce non solo la valenza ecologica ma anche l'importanza economica dei pipistrelli in agricoltura, e la necessità di proteggere questi animali dalle minacce di malattie e dalla distruzione degli habitat.
 

Nutrendosi dei parassiti, questi mammiferi riescono a far incrementare la resa agricola con evidenti benefici anche economici. I risultati di una prova effettuata sul mais.

contenuto