Italiano English
Download PDF

Phytophthora degli ontani: come il clima ne influenza lo sviluppo

In tempi recenti, un numero crescente di agenti patogeni delle piante hanno invaso le foreste e altri ecosistemi di tutta Europa. Diversi fattori, come ad esempio disturbo antropico degli ecosistemi forestali, l'aumento del trasporto dei patogeni alieni internazionali legato al commercio, e il cambiamento climatici sono stati identificati come potenziali cause che promuovono la loro diffusione.
Phytophthora alni è un patogeno fungino associata con il declino degli ontani in Europa dai primi anni 1990. I ricercatori, in questo studio dell’ INRA (Institut National de la Recherche Agronomique) di Nancy, si propone di comprendere l'effetto del clima sulla gravità dei focolai di P. alni, così da determinare se il recente cambiamento climatico può spiegare l'emergere e la diffusione della malattia.

I ricercatori hanno creato alcuni modelli al computer per simulare gli effetti del clima e le locali condizioni ambientali sulla gravità e la diffusione di P. alni, basate su dati raccolti da 16 siti nel nord-est della Francia in oltre sei anni. I dati includono le misure ambientali sulle condizioni ontano, come le stagioni, l'acidità e la tessitura del suolo, le precipitazioni e la temperatura nei 10 giorni prima della campionatura degli alberi, e i livelli P. alni misurati nel terreno.

La precisione del modello è stata confrontata con una serie di 16 siti nel sud-ovest della Francia, dove il declino degli ontani a causa di P. alni era stato controllati tra il 1998 e il 2003, e generalmente ben abbinato ai livelli osservati in questo settore.
Infine, il modello è stato utilizzato per valutare se il recente cambiamento climatico potrebbe spiegare l'emergere della malattia nei 38 siti (16 a nord-est e 16 sud-ovest), osservando oltre 40 anni di dati climatici 1970-2010.

I principali fattori che influenzano lo svilupparsi della malattia nell’ontano erano le temperature invernali ed estive dell'anno precedente. Il modello ha indicato che le condizioni più sfavorevoli per la malattia erano le temperature invernali più fredde, con medie giornaliere al di sotto di circa 3,5 ° C, e temperature e estive medie di 21-22 ° C in luglio e agosto.

Il modello ha anche mostrato che il clima nel sud-ovest della Francia nel corso degli ultimi 40 anni era più favorevole allo sviluppo della malattia che nel nord-est.  La ragione di questo è stato principalmente che gli inverni più freddi del nord-est, con una media di 2,5 ° C. I risultati suggeriscono che molte aree con inverni freddi, come la Germania e la Repubblica Ceca, potrebbero affrontare  un incremento di P. Alni indotto dal surriscaldamento climatico. Inoltre, nelle zone più meridionali, un riscaldamento climatico può essere di per sé dannoso alla regolare crescita degli Alnus, dal momento che questa specie cresce generalmente in prossimità di fiumi e torrenti con una buona scorta d'acqua che può ridursi con il cambiamento climatico.

Tuttavia, un clima più caldo potrebbe non avere conseguenze negative ovunque. Per esempio, nelle zone dove gli inverni freddi sono comuni, come il sud-ovest della Francia, estati più calde potrebbe limitare la gravità della malattia. Infatti, gli autori evidenziano che nel sud-est della Francia, in cui le estati sono di tipo mediterraneo,  P. Alni è segnalata raramente.

Fonte: http://ec.europa.eu/

All' istituto nazionale della ricerca in agricoltura di Nancy sono stati ideati dei modelli per studiare i fattori che influenzano la presenza della malattia

contenuto