Italiano English
Download PDF

La grafiosi in Australia: controllo e rischi di diffusione

Durante la terza conferenza internazionale sull’olmo, tenuta a Firenze in ottobre, abbiamo conosciuto molti esperti del settore. Uno di questi è Greg Lefoe, ricercatore alla La Trobe University di Melbourne. L’Australia vanta una storica presenza di olmi, fin dal 1800, quando questi alberi vennero importati in massa, diventando parte fondamentale del paesaggio urbano di molte città. La grafiosi, al momento,  non è presente in Australia e Greg si occupa del rischio di introduzione della malattia nella sua nazione. La presenza alla conferenza fiorentina del ricercatore australiano è stata finanziata da un’associazione di volontari chiamata “Friends of the Elms Inc”. L'occasione della conferenza è stata colta per chiedergli informazioni sulla gestione del pericolo di introduzione della grafiosi nel suo paese.

Greg Lafoe a Firenze, durante la Conferenza internazionale sull'olmo

Signor Lefoe, qual è lo stato della grafiosi nel vostro paese?
L'Australia ha una forte barriera di quarantena, e non ci sono agenti patogeni DED (Dutch elm disease, così viene chiamata la grafiosi) stabiliti in Australia. Quindi siamo molto fortunati, e per questo abbiamo ancora molti grandi olmi europei nei nostri viali, parchi e giardini. Tuttavia dobbiamo rimanere vigili per una serie di motivi:
una gran parte dei nostri olmi, come Ulmus procera , U. X hollandica e le cultivar di U. glabra sono suscettibili Ophiostima ulmi e a Ophiostoma novo –ulmi.  
Lo Scolytus multistriatus, inoltre, si è stabilito e diffuso in Australia. In assenza di agenti di grafiosi, lo scolitide è considerato un parassita minore, status da modificare  nel caso il fungo venga individuato.
La DED, infine, è presente in Nuova Zelanda , uno dei vicini più prossimi in Australia .

Come viene controllata la diffusione e l’introduzione dello scolitide vettore di grafiosi  in Australia?         Un piano di emergenza è stato preparato nel 2001 con raccomandazioni per ridurre la vulnerabilità della popolazione degli olmi dell'Australia, evitare l'introduzione di agenti patogeni, e la realizzazione di linee guida su come rilevare e rispondere a un'incursione qualora ciò dovesse accadere . 

Sono previste piantagioni con nuove varietà di olmo in un ambiente urbano?Non ci sono molti olmi resistenti  alla grafiosi disponibili in Australia, e gli alberi sensibili sono ancora utilizzati per sostituire olmi invecchiati . Forse i requisiti di quarantena scoraggiano gli importatori. Tuttavia ci sono un paio di vivai che vendono olmi resistenti. Non sono sicuro di quanto popolare sono . Penso che ci sarebbe interesse a olmi che presentano resistenza sia alla grafiosi che  e a un altro parassita dannoso in Australia, Xanthogaleruca luteola.

Alla terza conferenza internazionale sull'olmo, abbiamo chiesto a Greg Lefoe, ricercatore all' Università di Melbourne, alcune informazioni sulla gestione degli olmi nel territorio australiano

contenuto