Italiano English
Download PDF

Anoplophora chinensis, tarlo asiatico che preoccupa l'Europa

A. chinensis è un parassita introdotto accidentalmente in Europa più di un decennio fa, e in Italia attualmente ci sono due focolai (entrambi sotto eradicazione): uno in Lombardia e uno nella città di Roma; infestazioni si sono verificati anche in altri paesi d'Europa. Intercettazioni in porti di ingressoe primi rilevamenti  nei vivai di piante, dai venditori o nelle aree pubbliche sono state fatte dalla EPPO, da dipendenti della società o da parte del pubblico; nella maggior parte dei casi le piante erano importate dal est asiatico.

Insetto che viene da lontano. Anoplophora chinensis (Forster) è un coleottero originario della Cina, Giappone, Corea e altri paesi del Sud Est asiatico, ed è comunemente conosciuto come il "Citrus Longhorn Beetle (CLB)", a causa dei gravi danni registrati in passato in agrumeti la sua zona di origine. Nonostante questo nome comune, A. chinensis è in grado di attaccare e danneggiare un gran numero  di latifoglie, tra arbusti e alberi in ambito forestsle, urbano, frutticolo e ornamentale. A. chinensis attacca le piante di qualsiasi dimensione ed età, da piante in vaso, "bonsai" e giovani alberi appena piantati, fino a esemplari secolari e monumentali.
 
Attenzione anche agli alberi sani. A. chinensis è un parassita invasivo da quarantena e le forti misure fitosanitarie sono applicate in tutto il mondo per impedirne l'introduzione e la diffusione, e di eradicarla nelle zone infestate. Misure di eradicazione sono attualmente condotte con metodi distruttivi qualu cippatura e bruciatura degli alberi infestati, coinvolgendo non solo i tronchi e rami, ma anche l'apparato radicale. A. chinensis è un insetto che colonizza generalmente alberi sani, ma può attaccare più volte lo stesso albero per molti anni, causandone una grave debolezza fisiologica e strutturale, che comunque può portare alla morte dell'albero. Il coleottero ha bisogno di circa 1 - 2 anni per lo sviluppo giovanile (o più in paesi maggiormente freddi), e le femmine depongono le uova alla base del tronco di alberi sensibili o su radici esposte. Le larve si nutrono dapprima nel floema sotto la corteccia per  poi creare gallerie ovarie di grande forma nello xilema, sia nel tronco che nelle radici. Dopo l'impupazione, i coleotteri adulti emergono producendo un foro circolare uscita masticando la porzione sottile di corteccia che separa la camera di pupa dall'ambiente esterno.
 
Nero, lucido e con grandi antenne. Rilevamenti di A. chinensis sono possibile osservando gli adulti in attività nell'ambiente, che si muovono principalmente sugli alberi ospitanti, nutrendosi di ramoscelli di piante o durante l'ovodeposizione sulle basi delle piante o sulle radici esposte. Adulti di questa specie sono abbastanza facili da identificare e non confondere dalla specie della natia fauna dei coleotteri europei: gli adulti sono neri relativamente grandi (le femmine sonolunghi circa 3,5 cm, mentre i maschi circa 2,5 cm), lucido con macchie bianche sulla parte dorsale del corpo; le zampe sono di colore nero/azzurro e le antenne sono lunghe due volte  il corpo nei maschi, di più nelle femmine. Al contrario, le larve non presentano caratteristiche distintive chiare (sono color crema senza zampe e fino a circa 5 cm di lunghezza a maturità) e l'identificazione della specie è più difficile. Tuttavia, A. chinensis passa la maggior parte della vita come larva all'interno di tronchi o radici, e quindi non ci può essere poco o nessun segno della loro presenza. I sintomi più evidenti della presenza di A. chinensis sono i fori di uscita degli adulti sulle piante infestate, che sono di circa 10-15 mm di diametro (ma può essere grande fino a 2 cm di diametro) e si trovano generalmente verso le basi dei tronchi e sui radici esposte. Altri sintomi sono mucchi di escrementi larvale alla base degli alberi attaccati, prodotti durante la attività di alimentazione delle larve ed espulse dalle loro gallerie.

Arriva da lontano questo pericoloso insetto che può provocare ingenti danni a tutte le piante

contenuto