Italiano English
Download PDF

Biodiversità nelle aree antropizzate

Gli impollinatori giocano un ruolo chiave nel mantenimento dei servizi ecosistemici essenziali e della diversità delle piante selvatiche, nonché della produttività agricola. Nella zona temperata i principali gruppi impollinatori sono le api (Apidae), le farfalle (Lepidoptera) e i sirfidi (Syrphidae). Molte specie di piante dipendono direttamente dall'impollinazione entomofila e si osserva immediatamente un calo di produzione quando vi è una scarsità di insetti. Pertanto, le prove del declino di alcune popolazioni indigene di impollinatori segnalato in tutta Europa e nel Nord America sono di ampio interesse ambientale ed economico. Il fattore principale che causa cali di diversità e abbondanza degli impollinatori è l'intensificazione dell'agricoltura. Nei terreni agricoli, la diminuzione delle risorse alimentari di base è attivata dalla perdita di habitat. Tuttavia, anche la cessazione delle pratiche di gestione può influire negativamente, favorendo l'invasione di arbusti e alberi, e di piante non autoctone.

Grande sforzo è stato applicato allo sviluppo di piani di protezione al fine di sostenere l'attuale livello di servizi ecosistemici forniti da impollinatori. Gli interventi nel settore agricolo, vale a dire i programmi agroambientali come la creazione di riserve naturali e di habitat semi-naturali, sono stati concepiti con la speranza di far sopravvivere le popolazioni di impollinatori. Tuttavia, questo approccio verso la conservazione della diversità delle specie deve affrontare molti problemi pratici. Il successo di queste strategie dipende da una serie consistente di variabili. Queste riserve sono spesso situate in aree di valore marginale per la produzione agricola, e quindi di solito giocano un ruolo minore come fonte di specie impollinatrici per l'agricoltura. Sia la creazione di riserve che quella di schemi agroambientali sono costose e, quindi, generalmente è limitata localmente.
Una soluzione complementare o alternativa per i metodi in uso oggi è quella di approfittare dei benefici non riconosciuti degli habitat artificiali per la diversità e l'abbondanza degli impollinatori. Tali nuovi habitat, di solito associati con lo sviluppo industriale o infrastrutturale, possono avere un alto valore nella conservazione. Ad esempio, è stato dimostrato che le cave di calcare, le banchine stradali, le ex miniere di carbone a cielo aperto, le discariche, i giardini o i parchi urbani possono essere rifugi per le popolazioni di impollinatori. Così, gli habitat creati dall'attività umana possono significativamente ridurre alcuni dei risultati negativi di industria e agricoltura.
Nell'Unione europea, così come negli Stati Uniti, la lunghezza complessiva delle linee ferroviarie è pari a più di 200.000 km, ed è quindi una caratteristica comune del paesaggio. Inoltre, i paesi membri dell'UE si sono obbligati a sviluppare e promuovere il settore ferroviario. In questi anni è stato poi lanciato il programma nazionale del trasporto ferroviario ad alta velocità è stato lanciato negli USA. Gli elementi lineari del paesaggio come le linee ferroviarie possono svolgere un ruolo importante per il funzionamento dei servizi ecosistemici. Possono anche agire come corridoi di dispersione e come habitat riproduttivi per molti organismi. Anche se le linee ferroviarie sono elementi frequenti di molti paesaggi in UE e negli Stati Uniti, il loro contributo al funzionamento della biodiversità non è ben studiato. È già noto che i margini delle linee sono coperti da molte specie di piante da fiore. Questa osservazione suggerisce che le massicciate ferroviarie possono costituire un buon habitat per molte specie di insetti, tra cui anche gli impollinatori.
Inoltre, la struttura specifica della maggior parte delle ferrovie, cioè un argine ripido, un'area assolata in alto e una zona umida sul fondo, crea un forte gradiente ambientale che può favorire specie diverse e pertanto aumentare la biodiversità complessiva.

Una nuova ricerca ha esplorato il valore di questo habitat per i principali gruppi di impollinatori confrontando la ricchezza e l'abbondanza delle specie con quelle che si trovano in un tipico habitat di impollinatori nel paesaggio agricolo: prati estensivi o recentemente abbandonati. L'ipotesi è che la ricchezza e l'abbondanza degli impollinatori sono simili o superiore sui terrapieni che sulle praterie. Poiché le massicciate ferroviarie sono in possesso di caratteristiche specifiche, anche gli autori si aspettavano che sarebbero state abitate da diverse specie impollinatrici rispetto a quelle delle praterie, aumentando la biodiversità globale.
Lo studio è stato condotto lungo una linea ferroviaria nella regione di Cracovia, in Polonia costruita più di 50 anni fa.
I risultati ottenuti hanno evidenziato che la ricchezza di specie e l'abbondanza di api e farfalle sono più alte per le massicciate ferroviarie che per le praterie. Anche il suolo nudo (non-vegetato) sulle scarpate influenza positivamente la ricchezza e l'abbondanza di api, negativamente le popolazioni di farfalle. La diversità e l'abbondanza di farfalle dipende dalla ricchezza di piante autoctone sugli argini, mentre le api sono influenzate positivamente dalla presenza di piante da fiore non-native. Questo è il primo studio che dimostra che le massicciate ferroviarie costituiscono un habitat prezioso per la conservazione degli impollinatori dei terreni agricoli. Le strategie di conservazione specifiche, che coinvolgono i margini ferroviari, dovrebbero concentrarsi sulla prevenzione del degrado degli habitat a causa dell'invasione di arbusti fitti, e mantenere la vegetazione bassa con chiazze di terra nuda.
 

Non solo gli ambienti naturali sono in grado di conservare le popolazioni di impollinatori. Una nuova ricerca sulle massicciate ferroviarie

contenuto