Italiano English
Download PDF

Ambiente e componenti del giardino mediterraneo

La prima parte di una serie di articoli dedicati al paesaggio mediterraneo.
Quando si parla di giardino Mediterraneo, la prima domanda alla quale dobbiamo rispondere è "Che cosa è un giardino mediterraneo?". Di solito un giardino dovrebbe rappresentare il tipo di paesaggio che vorremmo avere intorno a noi. Se ponete questa domanda alle persone, la risposta che riceverete sarà, il più delle volte, sole, ulivi, cipressi, limoni e arancio in vaso, probabilmente all'ombra di un pergolato.

Localizzazione. Tuttavia "Mediterraneo" è una parola che possiamo considerare ambigua, soprattutto se legata al termine "giardino". In primo luogo, viene utilizzato per le aree di certi paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, sebbene sia applicato in modo irregolare. Almeno nei paesi anglosassoni e nord europei, viene generalmente associato all’Italia, alla costa sud della Francia, alla costa orientale della Spagna, della Grecia e delle Isole. Tuttavia, il bacino del Mediterraneo è una zona più ampia e molto complessa dal punto di vista della geografia e della morfologia e, in conseguenza di ciò, la temperatura e la piovosità possono essere anche alquanto diverse, con la presenza di numerosissimi microclimi particolari e unici. Il giardino mediterraneo può essere, perciò, brillantemente colorato, ma non è mai lussureggiante e, in ogni stagione e in tutti i luoghi, ha una sua particolare tipo di austera bellezza, quella che ha la sua origine nelle caratteristiche del clima.
Stile e piante. Ma la locuzione "giardino mediterraneo" può anche essere utilizzata per indicare un certo stile di giardino. Le caratteristiche comuni sono l'uso di terrazzamenti, un’area pavimentata abbastanza ampia, la presenza di cortili chiusi, di giochi d'acqua come fontane, l'uso di grigio fogliame, molto importante per dare colore al giardino, sia in estate che in inverno, fiori bianchi per “rinfrescare” e la presenza di fogliame di colore verde scuro per “rifinire”. Lasciando perdere il parere delle persone e torniamo alla natura incontaminata, che non tradisce. La flora mediterranea, il paesaggio mediterraneo - che cosa suggeriscono ? Non c'è una risposta semplice: la flora mediterranea è così varia e conta così tante specie che è possibile trovare in essa tutto e il contrario di tutto. Di sicuro, nel nostro paesaggio ci sono alberi di ulivo e mirto, ma ci sono anche abeti (probabilmente ci sono più specie di Abies del Mediterraneo che in qualsiasi altra parte del mondo), iris, oleandri, ecc. Specie appartenenti a tutte le categorie di piante.
Scegliere il modello giusto. Se ci accontentiamo di fare riferimento a una natura stereotipata del Mediterraneo, parlare è quindi facile; se, tuttavia, preferiamo affrontare la realtà, allora possiamo trovare un certo numero di esempi di "giardino mediterraneo", molto diversi da quello convenzionale che prevede l’uso di ulivi e cipressi, agavi, rosmarino e cisto e poche altre spcie. In un certo senso, quello che dobbiamo affrontare è la coesistenza di una vasta gamma di diversi modelli, fianco a fianco, in una zona limitata. I giardini della Costa Azzurra e della Toscana, ma anche l'Alhambra e la Landriana (quest'ultimo disegnato da Russell Page) come esempi casuali, classici o romantici, selvatici o curati – possono essere considerati come punto di partenza. Ognuno può fare la sua scelta, con il rispetto per il genius loci e secondo le sue inclinazioni personali. Abbiamo una gamma molto ampia di modelli da cui partire per la selezione delle piante, anche se la scelta migliore è probabilmente una miscela “ecumenica”.

Questioni ambientali. Come compensare l'estate calda e secca e la luce intensa aggravate dalla forza disseccante del vento; come coprire la nuda terra dove le piogge invernali hanno portato la maggior parte del terreno di distanza, esponendo nuda roccia? Sappiamo tutti che il periodo di totale assenza di pioggia è una delle caratteristiche del clima mediterraneo, ma siamo in grado di bilanciare gli aspetti negativi del clima mediterraneo, approfittando di quelli positivi. Apparentemente, non è difficile ridurre il consumo di acqua del 50% senza sacrificare la bellezza. Contrariamente all'immagine popolare di un paesaggio in cui il risparmio idrico si può raggiungere esclusivamente tramite l’uso di cactacee e succulente in una zona polverosa di rocce e sassi, molte specie native del Mediterraneo tollerano la siccità e sono molto attraenti. Si adattano a ogni paesaggio e offrono la stessa varietà di forma, consistenza e colore delle piante che necessitano di maggiori apporti idrici.
Qualunque sia lo scopo al quale il giardino è destinato, è sempre necessario che sia evidente una struttura precisa. Nel clima mediterraneo il giardino è uno spazio di vita importante dove si può trascorrere la maggior parte del proprio tempo ed è necessario individuare “l’anima” del progetto. Molto spesso la spina dorsale è data da impianti esistenti: le masse imponenti delle querce, del noce e le chiome dense di alcuni arbusti mediterranei con i tronchi grigio-argento degli ulivi secolari, possono diventare la struttura portante di un giardino naturale. Portano "ombra istantanea" che aiuta la creazione di un giardino mediterraneo.

Nella foto: il giardino dell'Alhambra

Esiste una vasta gamma di modelli da cui partire per riflettere sulla scelta delle piante. E le condizioni climatiche influiscono molto

contenuto