Italiano English
Download PDF

Revocato il divieto di commercializzazione delle piante di castagno

La comunità europea revoca il divieto di commercializzazione di piante di castagno. Lo fa con la Decisione CE 2014/690/CE che abroga la Decisione 2006/464/CE, la quale stabiliva le misure d'emergenza provvisorie per impedire l'introduzione e la diffusione nella Comunità di Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu (cinipide del castagno.

Il cinipide è regolamentato a livello italiano dal DM del 30 ottobre 2007, norma derivata dalla Decisione 2006/464/CE abrogata, per cui, per un fatto di "prevalenza normativa" (la norma europea principale in questo caso è superiore a quella italiana derivata), il DM del 30 ottobre 2007 è da considerarsi pressochè senza efficacia. L'abrogazione della Decisione 2006/464/CE deriva dal fatto che il cinipide ormai si è diffuso in tutta la CE ad esclusione di Regno Unito (UK), Irlanda (IRL), Portogallo (P), per cui è diventato inutile avere una normativa europea che cerca di contrastarne la diffusione.

Sulla base di questa premessa vengono rimossi i divieti alla commercializzazione dei castagni dall’ Italia verso i  paesi CE ad esclusione di Regno Unito (UK), Irlanda (IRL), Portogallo (P), per i quali il divieto diventa ancora più forte. Cadono anche i vincoli della coltivazione dei castagni sotto rete anti-insetto. Per le
piante di castagno rimane obbligatorio il passaporto e il documento di commercializzazione (DDC). In forza del DDC i castagni devono essere esenti da cinipide.


Nulla cambia rispetto a Regno Unito (UK), Irlanda (IRL) e Portogallo (P, nazioni in cui il Dryocosmus kuriphilus non è presente e per cui sono ZONE PROTETTE per il cinipide. Pertanto, c'è il divieto assoluto di commercializzare i castagni
verso queste nazioni. 

Una decisione della comunità europea sostituisce la normativa in vigore. Escluse Regno unito, Irlanda e Portogallo, considerate zone esenti da cinipide

contenuto