Italiano English
Download PDF

Assicurazione contro le calamità per i vivai: ora si può

Gli alti rischi, l’imprevedibilità degli agenti climatici, la difficoltà di stima del coltivato così eterogeneo, la difficoltà di standardizzare le esigenze trovando un minimo comune denominatore nella realtà produttiva vivaistica italiana, sono solo alcune delle difficoltà superate per creare un prodotto assicurativo adeguato e sostenibile sia per le compagnia assicurative che per i vivaisti.

Questione di sicurezza. La sinergia tra ISMEA e, "AIB All Insurance Broker Srl", società di brokeraggio assicurativo di Pistoia con alle spalle le più importanti compagnie del mercato, ha portato alla creazione di un prodotto innovativo e ancora in via sperimentale. L'assicurazione è capace di soddisfare il bisogno degli imprenditori nel sentirsi aiutati a limitare le ripercussioni economiche causate dai danni climatici sulle coltivazioni vivaistiche in vaso e in pieno campo. Garanzia di contribuzione da parte dei fondi pubblici fino ad un tetto massimo dell’80%, possibilità di accumulo delle quote dei danni, sono solo alcune delle sue caratteristiche in grado di fare la differenza per una azienda seriamente danneggiata da uno o più eventi atmosferici nell'arco di un anno. In particolare, possono essere assicurati i danni da siccità, gelo, eccesso pioggia, alluvione, colpo di sole,  grandine, neve, venti forti e venti sciroccali.

Il quindici maggio è il giorno limite. La polizza, redatta in ottemperanza alle normative vigenti, gode della contribuzione sul pagamento del premio da parte della Comunità Europea e dello Stato Italiano fino al un massimo dell’80%. Per poter ottenere i contributi, Entro il 15 maggio di ogni anno l’azienda deve aver aggiornato il proprio fascicolo aziendale e aver effettuato presso l’ufficio C.A.A. di riferimento la presentazione della domanda di "Contributo comunitario con compilazione della domanda di aiuto PAC"  con indicazione, nella stessa, della volontà di assicurarsi presso il proprio CAA di riferimento. La richiesta, fra l'altro, non è vincolante per la stipula della polizza ed è totamente gratuita.   



 

 

Entro il 15 maggio scadono i termini per richiedere il contributo comunitario fino all'80% del premio

contenuto