Alberi e aree inerbite contro il rischio di alluvione

Uno studio a Manchester ha dimostrato come le zone verdi influiscano positivamente contro le inondazioni urbane
1040

Superfici impermeabilizzate, come strade ed edifici, nelle aree urbane possono aumentare la velocità di scorrimento dell'acqua durante e dopo piogge prolungate o pesanti. Il deflusso urbano, in genere, sfocia in sistemi di drenaggio per le acque piovane , che non può essere in grado di gestire grandi volumi di acqua, provocando, spesso, locali inondazioni.

Tre parcelle sperimentali. Molte città stanno sempre più utilizzando i sistemi di drenaggio sostenibili, come le aree vegetateper controllare il deflusso delle acque piovane. L'acqua che atterra sugli alberi evapora o gocciola verso il terreno sottostante, dove può penetrare nel suolo. Acque di superficie delle zone vicine possono fluire nella zona permeabile intorno agli alberi aumentando ulteriormente la quantità di acqua lisciviata e diminuire la quantità destinata alla fognature. In uno studio di Manchester,  alcuni ricercatori hanno studiato il ruolo degli alberi e delle superfici inerbite nel ridurre il deflusso dell'acqua nelle zone urbane, misurando la quantità di acqua piovana con uno speciale sistema di drenaggio. Su ogni sito, hanno creato tre parcelle sperimentali di nove metri quadrati, tutte adiacenti a diverse superfici urbane: una è stata ricoperto di asfalto, una con erba e una è stato piantata con Acer campestre, al centro di una porzione di un metro quadrato circondata da asfalto

Risultati assai differenti. A gennaio e a settembre 2011, sono state raccolte le acque di deflusso. Le precipitazioni e le temperature dell'aria sono state registrate nel corso dello studio. Come prevedibile, il maggior deflusso superficiale era sulla superficie asfaltata, dove un media del 62 % del totale delle precipitazioni invernali e il 53 %  in estate sono state raccolte nelle fognature. Il resto dell'acqua che cade sull'asfalto è evaporato o rimasto in piccole pozze, invece di scorrere negli scarichi. Più acqua è evaporata in estate, data la temperatura maggiore dell’asfalto.

L'acqua piovana raccolta sulla parcella alberata scende al 26% del totale delle precipitazioni invernali e il 20 %  in estate: in questa parcella il deflusso si è ridotto del 58 % e del 62%, rispettivamente nei periodi invernali ed estivi, se confrontate alla superficie asfaltata. Gli alberi, in questo studio, erano relativamente piccoli, con la chioma che copriva circa il 35 % della parcella: gran parte della riduzione sarebbe derivata, quindi, dall’ acqua infiltrata nella zona adiacente all’ albero piuttosto che  intercettata dalla chioma. Progettazioni di superfici urbane senza rischi di ristagno idrico senza il rischio di ristagno degli alberi , avrebbe ulteriormente migliorato  la capacità di alberi di ridurre il deflusso superficiale .

La parcella inerbita ha assorbito la maggior parte delle precipitazioni, con il deflusso medio inferiore al 1 % delle precipitazioni totali. Avere più erba copertura nelle aree urbane ridurrebbe il rischio di inondazioni, purché il terreno sottostante non sia stato compattato (per esempio con il calpestio) , che lo rende più impermeabile all'acqua di superficie.

Fonte Comunità Europea