Italiano English
Download PDF

Villa Reale di Castello: il profumo degli agrumi in un giardino all'italiana

Proseguendo la nostra breve descrizione delle Ville Medicee, che sono diventate un patrimonio mondiale dell'UNESCO poco tempo fa, è la volta della Villa Reale di Castello, probabilmente meno imponente di Petraia, ma con un suo fascino particolare.

Esempio di giardino all'italiana. L'ingresso del giardino è attraverso un grande cancello sul lato sinistro della villa, chiamata anche "dell'Olmo" o "Reale". Di fronte ad essa, vi è una vasta zona di prato semi-circolare circondata da un muretto di cinta che è centrato sullo stesso asse di un viale alberato che una volta la collegava all’antica strada tra Firenze e Prato.
La realizzazione del giardino iniziata da Cosimo I de 'Medici nel 1538 sulla parte retrostante l'edificio acquistato dalla famiglia Medici circa 100 anni prima.
Il giardino principale rappresenta forse l'esempio meglio conservato di giardino all’italiana secondo i criteri ei dettagli di Leon Battista Alberti, anche se è pur vero che ci sono stati interventi, soprattutto nel 1800 che hanno prodotto alcuni cambiamenti. Fu progettato da Niccolò Tribolo, sostituito alla sua morte nel 1550 da Davide Fortini e poi, nel 1554, da Giorgio Vasari.

Gioco di terrazze. Il giardino, che, come detto, può essere considerato il prototipo del giardino XVI secolo, ha una forma molto compatta ed è disposto su tre terrazze che scendono verso la parte posteriore della villa. Le tre terrazze, tuttavia, non sono poste simmetricamente rispetto all'asse centrale, perché la Villa non fu effettivamente finita e appare differente da quello raffigurata nella Lunetta di Justun Von Utens del 1599.
Il piano di base ha la sua prospettiva centrale, interamente compresa all'interno delle mura del giardino. Questo è concepito lungo l'asse centrale, segnato nel primo terrazzo da un insieme di aiuole di forma pressoché quadrata. La grande terrazza, un vero e proprio prolungamento esterno della villa, ha una bella vasca nella corsia centrale, è opera di Tribolo.

Collezione di agrumi. Una statua di Bartolomeo Ammannati raffigurante Ercole che lotta con Anteo fu posta sui gradini in sostituzione di "Fiorenza Che Sorge Dalle acque"), scolpita da Giambologna, che fu spostata intorno al 1785 nel vicino giardino di Villa Petraia, come riportato in un precedente articolo. In origine, la fontana era circondata da un boschetto di alloro e mirto, come è mostrato nella Lunetta dell’Utens.
In primavera nel giardino della Villa Reale Castello, vengono portati all’aperto limoni e rare piante di agrumi (la più grande collezione di agrumi in vaso di frutta in Europa) che sono disposte lungo i sentieri e intorno alla fontana. La collezione commissionata da Cosimo III alla fine del XVII secolo, raccolse la maggior parte del germoplasma allora esistenti in Italia ed è stata.
Ed è tuttora, un grande aiuto per la decodifica di specie e/o varietà anche attraverso l'analisi delle opere di Bartolomeo Bimbi (vedi articoli precedenti sui Citrus ornamentali).
Durante l’inverno le piante sono mantenute nelle due "Limonaie" (attualmente solo una perché l'altra è in restauro) che segnano il secondo lato terrazza, chiamato - non senza ragione - "giardino dei limoni". Le piante che non possono essere più ospitate, a causa dello spazio limitato, sono state portate sia a Boboli, sia presso le altre ville medicee.

Grotta e statue. Nella seconda terrazza un cancello fiancheggiato da due pilastri etruschi conduce alla meravigliosa Grotta del Giambologna, posto al centro della terrazza più alta che contiene un muro. Questa grotta, conosciuta come la "Grotta di animali" rappresenta uno dei principali elementi architettonici del parco, e ha anticipato i fantastici concetti del manierismo (un movimento filosofico di quel tempo, il cui concetto di base era il perseguire un ideale di arte attraverso schemi e disegni canonizzati da una tradizione di tecniche e norme accademiche).
La grotta è composta da due camere, comunicanti attraverso un arco, seguendo un modello sviluppato da Bernardo Buontalenti a Boboli (ma alcuni storici affermano che questa grotta è stato realizzato prima di quella del Buontalenti). Sopra la grotta, all’inizio del “Selvatico” c'è una grande statua in bronzo di Bartolomeo Ammannati, denominata "Gennaio" o "Appennino" che rappresenta e vecchio, che cerca di proteggere se stesso dal freddo invernale con le braccia.
La statua è collocata al centro di un bacino quadrangolare, su una roccia spugnosa, e domina il giardino, circondato da boschi di leccio che richiamano, appunto, il "selvatico" o “bosco di caccia” che si trova tra la villa e la campagna circostante) esistente prima della sistemazione del giardino del XVI secolo, concepito come una "Ragnaia" (boschi caratterizzati da percorsi rettilinei utilizzati per cacciare gli uccelli non migratori), per separare il giardino formale dai vigneti e oliveti della campagna circostante.

Modifiche napoleoniche. Uno scorcio di gusto quasi medievale si trova nel piccolo giardino segreto, posto su un lato del vasto spazio centrale, dove è mantenuta una collezione di piante aromatiche mediterranee.
Il giardino ha subito i cambiamenti più importanti durante il periodo napoleonico. Una ghiacciaia fu creata al centro del giardino e ciò causò la rimozione della Fontana di Fiorenza. La Ragnaia fu sostituita da un parco in stile inglese, successivamente ampliato da Leopoldo II per includere il simile parco della Petraia.

Continua la rassegna delle residenze medicee. Vicino a Firenze, una residenza con una storia da protagonista

contenuto