Italiano English
Download PDF

Vasi e influenza sulla radicazione

I vasi sono prodotti in molte  varietà di forme e dimensioni e possono essere  di diversi materiali. Nella coltivazione di piante comune, la  plastica è indubbiamente il materiale più utilizzato e che offre svariati pregi non solo per la tecnica di produzione.
In decenni di coltivazioni in vaso, non sono molte le innovazioni strutturali di larga diffusione. Poca, in effetti, è anche la ricerca di settore: lo studio si è  sempre concentrato sui materiali (che devono essere leggeri e resistenti alla manipolazione) e forme, soprattutto con particolare riguardo all’ottenimento di un miglior controllo della percolazione e della spiralizzazione delle radici.  Quest’ultimo punto è di fondamentale importanza ed è qua che si registrano le novità più interessanti.
 
Nel vaso comune, le radici vengono deviate dalla parete del contenitore verso il basso e intorno al bordo. Questo può sviluppare gravi difetti di radicazione se le piante vengono lasciate nel contenitore troppo a lungo. Alcuni contenitori  sono appositamente progettati per  attenuare questo problema riducendo ma non eliminando la quantità di spiralizzazione delle  radici. L’obiettivo è quello di ottenere un apparato radicale con radici diritte  e radialmente distribuite intorno al tronco. Per questo, nella pratica vivaistica,  se i difetti non vengono rimossi ogni volta che l'albero viene rinvasato in  un vaso di una dimensione più grande, potrebbero mantenersi e svilupparsi, riducendo fortemente lo sviluppo della pianta.
Qualsiasi sia il vaso utilizzato, per garantire l’attecchimento di una pianta messa a dimora,  è fondamentale che venga fornita un’adeguata irrigazione successiva all’impianto. Tuttavia, alcuni tipi di contenitori hanno fornito prestazioni migliori di altri in più ricerche effettuate negli Stati Uniti, in caso di insufficiente irrigazione.
 
Ecco una brevepresentazione sui vari tipi di contenitori:
Vaso vivaio comune.  Alberi coltivati in contenitori che sono alti e larghi potrebbero sopravvivere meglio di quelli provenienti da altre forme di contenitori seppur ben drenati,  sui siti secchi e con poca irrigazione. Mentre le radici nella parte superiore della zolla potrebbero seccare, quelle poste in fondo hanno una migliore possibilità di allungamento nel terreno prima di asciugare e morire (Gilman e Beeson 1996). Nei siti compattati o mal drenati, le radici sul fondo di una zolla non possono aiutare l'albero stabilirsi perché spesso muoiono per mancanza di ossigeno (Gilman et al. 1987). Un contenitore basso  e largo potrebbe essere più adatto per i siti con scarso drenaggio.

Vasi bassi e larghi. La spiralizzazione delle radici sono un problema minore rispetto a  un vaso più alto, perché si trovano più lontano dal tronco (Marshall e Gilman 1998). Tuttavia, come tutte le altre piante, le radici spiralizzate possono essere presenti vicino al tronco se l'albero è stato coltivato  in un contenitore più piccolo quando era più giovane. Gli alberi piantati in terreni ben drenati precedentemente coltivati in questi contenitori, sono maggiormente suscettibili alla sofferenza idrica rispetto a quelli con radici profonde (Marshall e Gilman 1998. ) In  terreni compatti e poco drenati, invece,  dovrebbero svolgere molto bene il proprio ruolo perché le radici si trovano  vicino alla superficie del suolo, dove l'aria è abbondante. Le radici presenti nel fondo dei contenitori profondi (più di circa 24 cm di profondità) non possono sopravvivere in terreni compatti o scarsamente drenati a causa della mancanza di ossigeno .

Vasi Air-pruining. Alcuni contenitori sono progettati con molti buchi nei lati e sul fondo. Alcuni di questi sono senza fondo, altri hanno grandi aperture alla base.  La ricerca sostiene che le radici sul bordo esterno della zolla di piante coltivate in questi vasi vengono potate quando entrano a contatto con  l’aria proveniente dai fori (Privett e Hummel, 1992). Ne risulta che siano poche le radici  evidenti all'esterno della zolla, perché vengono deviate e tendono ad essere posizionato all'interno del perimetro della zolla.
Questo vaso riduce la spiralizzazione, favorendo uno sviluppo radicale verso il basso, creando una zolla  più densa in alcune specie (Whitcomb e Williams, 1985). La riduzione (non l’ eliminazione) delle radici della spiralizzazione è comune, ma studi mostrano che non c’è  alcun aumento della densità di radici (Newman e Follett 1987; Beeson e Gilman 1995; Marshall e Gilman 1998; Gilman 2001). La riduzione della spiralizzazione riduce la probabilità di strozzature radicali che portano gravi danni alla crescita dell’albero
.
Ribbed pots. Molti vasi vengono prodotti con dei rilievi in un’ampia varietà di configurazioni, lungo l'interno dei contenitori;  questi  sono progettati per evitare la spiralizzazione della  parte esterna della zolla. Le radici vengono spesso deviate verso il basso dalle nervature verticali sul fondo del contenitore. Alcuni di questi contenitori hanno anche fori lungo le creste e in basso. Il vantaggio di acquistare alberi cresciuti in questi contenitori è che ci possono essere meno radici circolari all'esterno della zolla, soprattutto nella parte superiore.


Articolo originale dell'univesità della Florida (clicca QUI per leggere)

I contenitori in cui vengono coltivate le piante influenzano la crescita radicale e il successivo attecchimento della pianta.

contenuto