Italiano English
Download PDF

Diva nella sinfonia primaverile

La grande famiglia dei Cornus è capace di giocare un ruolo importante nell'orchestra della primavera. Cespugli considerati modesti e marginali possono recitare una parte fondamentale, anche da primo violino. L’ultima varietà, il Cornus kousa Venus®, può essere la “Diva” , così da conquistare il cuore di giardinieri e amanti delle piante. Ha una storia che si potrebbe racchiudere in un titolo: “L’est incontra l’ovest”.

Molto di asiatico.  In generale, i Cornus ornamentali provengono da due regioni degli Stati Uniti: il C.florida a est e il C. nuttalii a ovest; l’Asia è, invece, patria del C.kousa. Da alcuni anni, la specie C.florida è suscettibile all’antracnosi (Discula destructiva) un patogeno molto aggressivo e senza rimedi risolutivi. Cornus kousa è invece resistente a tale fungo e questo ne ha aumentato, senza dubbio, il mercato. Il C.kousa “Venus” ®, è un ibrido, al contrario di molte varietà selezionate da seme. Al professore Elwin Orton, della “Rutgers University” del New jersey, padre del “Venus” ®, ci sono voluti oltre diciotto anni per ottenere un risultato finale interamente soddisfacente. Tutto nacque da un incrocio tra C.kousa e C. nuttallii, e dal successivo nuovo incrocio della progenie migliore con C.kousa. Così facendo, il corniolo cinese ha dato il 75% di DNA alla nuova varietà. È forse questa la causa della sua resistenza all’antracnosi. 

Fioritura, garanzia di bellezza. La sua caratteristica ornamentale principale è la misura sorprendente delle brattee: al culmine delle fioritura, possono anche arrivare a 15 cm di diametro. Inizialmente di colore grigio, a inizio maggio, poi variano fino a diventare bianco-crema con il pieno sviluppo. Un pregio è rappresentato dal periodo di massima e abbondante fioritura, attorno al venti maggio, dopo C. nuttallii e prima di C.kousa. Questo ibrido, dedicato al pianeta più brillante del cielo, ha ricevuto molti riconoscimenti a fiere di settore, in Germania, Svizzera e Olanda. Ma il premio maggiore, comparabile all’Oscar del cinema, è stato la medaglia d’oro al “Chelsea flower show”. Cornus kousa “Venus” ® predilige una posizione soleggiata o parzialmente ombreggiata e, soprattutto, un terreno leggermente acido.

Autunno vivace. Dopo alcuni anni può raggiungere fino a 4 metri di altezza. Il fogliame, in autunno, presenta colori vivaci, dal viola al lilla fino al rosso vivo. Riesce a resistere alle basse temperature, fino a – 28°C, mentre soffre climi troppo secchi e caldi. La licenza generale per l’Europa è stata concessa dalla Rutgers University a Baumschule Eberts di Baden-Baden in Germania e ora può essere distribuito anche dalla Giorgio Tesi Vivai.

"Cornus kousa Venus" regala una fioritura abbondante, con le sue brattee lunghe fino a 15 cm

contenuto