Italiano English
Download PDF

Gli habitat costieri: la situazione europea e quella italiana

Le spiagge coprono il 34% delle coste di tutto il mondo. Consistono di una striscia sabbiosa stretta tra ecosistema marino e terrestre, per questo sono considerate habitat critici, caratterizzati da elevata biodiversità in termini di comunità animali e vegetali. Queste mostrano adattamenti particolari e si dispongono seguendo il gradiente mare-terra, con una conseguente zonazione vegetazionale della flora delle dune. Questi habitat forniscono diversi servizi tra i quali la difesa della costa, il controllo dell'erosione, la protezione della fauna selvatica e il sequestro di carbonio. Sono inoltre utilizzate, talvolta in modo sconsiderato, dall'essere umano per attività turistiche, generando quindi anche benefici economici.
Più della metà della popolazione mondiale vive entro 60 km dalla costa e la pressione antropica sugli ecosistemi è fortemente aumentata negli ultimi 50 anni, portando un progressivo peggioramento delle condizioni degli habitat e perdite della biodiversità.

Direttive UE impongono agli Stati la costituzione di una rete di zone protette che includono anche “dune di sabbia e dune costiere interne”, considerate fra le più vulnerabili, specialmente in Italia.
A livello nazionale, la situazione dovrebbe essere vista con allarme: nel caso in cui la rete di aree protette progettata per preservare la biodiversità, non riesca a garantire una manutenzione efficace degli habitat minacciati o si rivelasse inefficace nel prossimo futuro, i cambiamenti climatici potrebbero portare a conseguenze irreparabili.
Negli ultimi anni, la modellazione predittiva geografica è diventata sempre di più uno strumento importante per valutare l'impatto del clima e di altri cambiamenti ambientali (ad esempio, uso del suolo) sulla distribuzione degli organismi. L'approccio a livello di comunità è particolarmente utile per orientare le misure nazionali di conservazione, in risposta alle direttive dell'Unione Europea.
Da questo punto di vista, la costruzione di modelli predittivi per intere comunità vegetali è un passo importante per la gestione efficace degli habitat costieri nel prossimo futuro, in particolare nel tratto della loro distribuzione più a rischio (ad esempio, nel Mediterraneo, e in particolare in Italia).

Tuttavia, diverse questioni controverse sorgono quando si cerca di prevedere i futuri cambiamenti di distribuzione negli assemblaggi varietali delle dune costiere su scala biogeografica nazionale.
Le comunità vegetali costiere sono interessate contemporaneamente da una varietà di stress sia naturali che antropogenici e gli effetti diretti e indiretti dei cambiamenti climatici potrebbero svolgere un sinergico o un ruolo antagonistico. La previsione degli scenari futuri è quindi complessa, qualsiasi tentativo rischia di portare ad una sottostima dei futuri cambiamenti.
In un impianto su scala locale la distribuzione delle specie nelle comunità sulle dune costiere è in gran parte legata al gradiente ambientale mare-entroterra, questo è connesso a molti fattori come la distanza dal mare, la salsedine, la profondità dello strato di sabbia, l'erosione del vento, la stabilizzazione del substrato e il contenuto di sostanza organica.

Un altro dibattito ruota attorno le specie più idonee a fornire dati da utilizzare nella modellazione.
Si è spesso sostenuto che i risultati più accurati si ottengono quando l'intera nicchia climatica sia presa in considerazione. Tuttavia, più di recente, i ricercatori hanno messo in evidenza che la modellizzazione beneficerebbe di dati riferiti a ambiti ristretti con caratteristiche ben distinguibili.
Quindi, gli studi a livello nazionale sono comunemente eseguiti sulla base della porzione della gamma specifica che rientra nel territorio nazionale. Per quanto riguarda tutte queste questioni controverse si deve sempre sapere che ogni esercizio di modellizzazione produce solo stime relative e comparative, non dati certi.
In un nuovo studio i ricercatori hanno cercato la risposta di habitat dunali costieri sabbiosi ai cambiamenti climatici nei prossimi 50 anni, con particolare attenzione per l'Itali, con due approcci sostanzialmente diversi.
Nell'approccio "indiretto" hanno modellato gli scenari usando le singole distribuzioni delle specie vegetali come predittori ambientali; hanno poi ipotizzato la distribuzione degli habitat. Hanno confrontato questo approccio "indiretto" con uno “diretto”, concentrandosi sull'habitat nel suo complesso come punto di partenza.
Su tale base, gli obiettivi specifici sono stati:
  • sviluppare modelli di distribuzione per gli habitat dunali in Italia sulla base di risposte o specie specifiche o basandosi su un approccio olistico;
  • definire l'attuale distribuzione geografica degli habitat dunali e analizzare come la loro distribuzione cambierà sotto gli effetti di due scenari di cambiamento climatico;
  • valutare l'efficacia attuale e futura della rete di aree protette italiane.
Secondo i risultati dei modelli "indiretti", la distribuzione degli habitat dunali costieri più vicino al mare probabilmente aumenterà nel prossimo futuro. La presenza di tutti gli habitat dunali costieri è fortemente dipendente dalla buona qualità dei litorali sabbiosi, come evidenziato dall'importanza della lunghezza dell'arenile in tutti i modelli.
A seconda dello scenario, più o meno tutti i modelli previsionali causano variazioni nella distribuzione degli habitat. Quelli che presentano vegetazione prevalentemente annuale hanno reagito meglio ai cambiamenti previsti.
Gli ambienti che vedono la presenza di specie perenni o semi-perenni evidenziano una struttura più complessa e sono risultati più sensibili a perdere parte della loro area di distribuzione nel prossimo futuro.
Le zone dunali più vicine al mare sembrano sopportare meglio i cambiamenti climatici rispetto a quelle più interne. È ben noto che nel corso degli ultimi 50 anni le zone interne sono state seriamente disturbate dallo sviluppo urbano, dalla piantagione di pini e dall'agricoltura.
L'attuale rete di aree protette è piuttosto efficace nel preservare gli habitat costieri. Tuttavia, nei due scenari futuri la riduzione areale di habitat dunali mobili (vicini al mare) e fissi (più lontani), a causa del cambiamento climatico potrebbe portare ad una diminuzione dell'efficacia delle aree protette esistenti. Aree di particolare valore sono già state identificate come “da conservare” in uno studio precedente, individuando l'elevato valore di biodiversità degli habitat dunali lungo il Mar Adriatico, lungo le due coste del centro Italia e presso le isole maggiori, Sicilia e Sardegna. Un esame visivo della rete costiera di aree protette attualmente rivela alcune lacune lungo la costa italiana, soprattutto lungo la costa adriatica e ionica e nella Sicilia meridionale.

I risultati hanno dimostrato che il metodo "diretto" ha una scarsa attendibilità predittiva a causa dei problemi intrinseci connessi con l'applicazione di modelli di ipotesi degli habitat per assemblaggi multi-specifici. Questo perché gli habitat sono una composizione di diverse specie di piante, che reagiscono in modo diverso alle condizioni in evoluzione; i loro confini non sono ben definiti in quanto vi è un graduale passaggio da una comunità all'altra.
Per concludere, nonostante alcune limitazioni, i risultati mostrano una tendenza chiara per il futuro.
Lo scenario peggiore è che, senza una gestione adeguata, alcuni habitat dunali fissi e mobili potrebbero scomparire in risposta ai cambiamenti delle condizioni climatiche da solo.
Questa  analisi evidenzia la vulnerabilità degli habitat non solo nelle proiezioni future, ma anche, in alcuni casi, nella presente immediato. I dati dei modelli di distribuzione degli habitat rappresentano spunti utili per la conservazione e la gestione delle priorità per le zone costiere italiane: infatti, convertito in pratica, lo studio potrebbe aiutare nell'elaborazione di programmi di prevenzione.
 
 
 

La difesa dei territori vulnerabili per la conservazione della biodiversità con una rete di aree protette

contenuto