Italiano English
Download PDF

Metodo SCANS: dall'Australia un'innovazione nello studio del terreno

Sono sempre più richieste nel settore agricolo (ma non solo) delle informazione dettagliate sulle condizioni del suolo, al fine di raggiungere una vasta gamma possibile di obiettivi ambientali ed economici. Si fa in genere riferimento principalmente allo stoccaggio del carbonio, parametro fondamentale nella guida delle politiche di gestione del territorio.

L'utilizzo della sensoristica. Per aiutare a soddisfare questa esigenza, alcuni scienziati australiani hanno sviluppato un nuovo metodo di rilevamento per analizzare campioni di terreno, noto come Soil Condition ANalysis System (SCANS). Integrando un nuovo sistema di rilevamento (CSS) con un’analisi statistica avanzata, il sistema SCANS fornisce un livello di dettaglio difficile da raggiungere con le alternative esistenti. SCANS non è solo rapido, preciso e poco costoso, ma rappresenterà probabilmente uno strumento utile per gli agricoltori, per i gestori del territorio e per i responsabili delle politiche, facilitando la valutazione delle funzioni del suolo, delle strutture e dello stoccaggio di carbonio faciliterà. Più un processo è dettagliato e ricco di informazioni, più semplice è individuare la scelta giusta da fare.
La raccolta dati è un passaggio fondamentale in tutti i metodi di monitoraggio ambientale, che poi influenzano le politiche correnti su questioni come il degrado dei terreni, i cambiamenti climatici, le politiche alimentari, idriche ed energetiche. Per comprendere meglio il suolo e il suo ruolo negli ecosistemi, gli scienziati devono valutare e monitorare le sue proprietà fisiche, biochimiche e mineralogiche. Ad oggi, il metodo più comune è costituito dal prelievo di campioni in campo e da una successiva analisi di laboratorio. È però una metodologia piuttosto lunga e relativamente costosa, non sempre in grado di soddisfare le esigenze attuali.

Rapidità ed economicità. L’analisi con sensori di prossimità è un'alternativa promettente ai metodi di laboratorio. Permette di rilevare le informazioni utili per caratterizzare il suolo direttamente in campo, senza la necessità di prelevare campioni. Le proprietà del suolo possono essere misurate più rapidamente, in modo accurato ed economico in tempo reale. Inoltre, dal momento che possono essere effettuate più misure in tempi e profondità diverse, questo sistema consente una caratterizzazione più accurata del suolo al variare delle condizioni nel tempo.
Il metodo SCANS, che integra tecnologie di rilevamento del suolo con sensori all’analisi statistica e alla modellistica consente indagini complete, efficienti e accurate. I sensori posti nel terreno raccolgono una grande varietà di informazioni che poi passano attraverso un sistema di analisi e modellazione.
Grazie ai dati rilevati vengono stimati il carbonio organico totale del suolo, il particolato, l’humus, il carbonio organico, il contenuto di argilla, la capacità di scambio cationico, il pH, il contenuto volumetrico di acqua e la capacità idrica disponibile.
Infine, grazie alla misura della densità apparente e del carbonio organico viene stimato lo stoccaggio di carbonio, e definito un profilo completo delle proprietà del suolo.
L'accuratezza delle stime dipende ovviamente dal modello utilizzato. Quando disponibili, devono essere utilizzati dati "locali" o specifici del sito per generare le previsioni più accurate. In caso contrario, possono essere utilizzati modelli "globali", meno attendibili.

Le diverse applicazioni. SCANS è in grado di individuare simultaneamente molteplici proprietà del suolo e quindi fornire informazioni continue e dettagliate in modo rapido, economico e spazialmente preciso. In quanto tale, rappresenta un nuovo potente strumento per migliorare la comprensione del suolo ed è adattabile a una varietà di applicazioni ambientali. Ad esempio, può essere usato per monitorare il carbonio organico del suolo per scopi economici, per modellare il sequestro del carbonio organico nei progetti di stoccaggio e per valutare la contaminazione del suolo da metalli pesanti e altri inquinanti. Il sistema può effettuare tutte le misurazioni necessarie a qualunque scopo, visto che garantisce una misura al minuto per ogni sensore installato.
Non meno importante la possibile applicazione in campo agricolo, ad esempio al fine di migliorare la comprensione della mineralizzazione dei nutrienti, o per sviluppare strategie per ottimizzare la ritenzione idrica e l’infiltrazione dell’acqua nel terreno. Le informazioni fornite da SCANS possono aiutare a determinare le condizioni del suolo, le sue funzioni e quindi la sua possibile capacità produttiva, che possono cambiare nel tempo. Ottenere dati precisi riguardo queste caratteristiche è di fondamentale importanza per promuovere un utilizzo sostenibile del suolo e una corretta applicazione delle buone pratiche agricole, con benefici per tutto l’ecosistema.

Un nuovo metodo di rilevamento del suolo consente un monitoraggio dettagliato, rapido ed efficiente dello stoccaggio e delle condizioni del carbonio nel suolo

contenuto